Translate

giovedì 25 settembre 2014

Marò,le prove di santità sono infinite.

Durante l’esame del dl missioni al senato è intervenuto il sottosegretario alla Difesa Domenico Rossi con queste  parole che ai più possono sembrare strane
 "Ribadisco la massima attenzione da
parte del governo e ribadisco come siano gia' stati compiuti atti
per avviare l'arbitrato internazionale. Stiamo valutando le
relazioni con il governo indiano prima di percorrere questa
iniziativa".
In un qualsiasi paese sarebbe scoppiata una rivolta,in un qualsiasi paese la folla inferocita avrebbe preso d’assalto il parlamento e i governanti. I parlamentari avrebbero chiesto al sottosegretario Rossi se stava scherzando,e avrebbero aperto una commissione d’inchiesta nei suoi confronti perché non si può prendere in giro il parlamento e i rappresentanti dei cittadini ,voglio ripetere le parole di Domenico Rossi “  Ribadisco la massima attenzione da
parte del governo e ribadisco come siano gia' stati compiuti atti
per avviare l'arbitrato internazionale. Stiamo valutando le
relazioni con il governo indiano prima di percorrere questa
iniziativa".
Mi sembra il set del film di Benigni La vita è bella,sembra che dobbiamo fare una specie di caccia al tesoro nel nostro paese,e chi indovina raccoglierà il suo premio. Esprimere valutazioni si questi rappresentanti delle istituzioni è fuori luogo,sicuramente sono stati scelti per combinare il massimo dei danni possibili.
Per queste parole,che oltre a essere farina del suo sacco sono state sicuramente concordate il sottosegretario dovrebbe dimettersi immediatamente e insieme a lui Renzi e i ministri,da questev parole si può notare il niente assoluto ,non hanno fatto niente e non hanno nessuna intenzione di fare niente.
L’accordo con l’India ce l’hanno,lo hanno sempre avuto. L’India deciderà cosa fare,il come e quando,non presenta ancora il capo d’accusa perché non ha un capo d’accusa vuole decidere per sentirsi grande e avendo a che fare con degli inetti telecomandati e teleguidati li fa stare in stand by .Ma sia ben chiaro questi politici non rappresentano più niente e nessuno,nemmeno gli idioti che li votano.
E quando si ritornerà a fare politica,e si ritornerà a fare politica,tutti questi signori saranno ricordati in eterno,entreranno nei libri di storia,come i telecomandati che hanno cercato di distruggere l’Italia.
Alfredo d’Ecclesia

Nessun commento:

Posta un commento